Abbattimento lupi – prima vittoria

ENPA, come altre associazioni animaliste e ambientaliste, esprime grande soddisfazione per il rinvio al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti della sua proposta del Piano di Conservazione del Lupo .

Le proteste di numerose Associazioni animaliste e ambientaliste, di migliaia di cittadini che si sono espressi nella petizione proposta da Enpa contro la riapertura della caccia al lupo, unite alla presa di distanza di alcuni presidenti di Regione (tra i quali Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia Romagna) hanno sortito il risultato di ottenere un rinvio della discussione alla prossima Conferenza Stato-Regioni.

Ma questo è solo ilprotesta lupi 598488_NS primo passo; la richiesta fatta al Min. Galletti è di ascoltare gli esperti delle Associazioni, affinchè si abbandoni l’idea dell’abbattimento.  Solo con questa esplicita esclusione il “Piano di conservazione del lupo”, che prevede positivi principi di una politica di prevenzione, sarà gradito alle Associazioni e all’opinione pubblica e potrà quindi essere approvato in tempi brevi.

ENPA conferma la sua disponibilità a collaborare con il Ministero, con le Regioni, con gli agricoltori, con gli allevatori per una “gestione” incruenta dei lupi: spari e abbattimenti non producono alcun risultato, se non quello di incentivare il bracconaggio.

Ringraziamo tutti i sostenitori di questa battaglia che, ancora una volta, hanno confermato quanto sia importante far sentire la propria voce, il proprio dissenso, esprimendosi attraverso una raccolta firme.  Avremo ancora bisogno di voi nella speranza di poter festeggiare a breve per la salvezza del lupo.

Nella foto alcuni responsabili delle Associazioni (ENPA, LAV, WWF) sotto la sede della Conferenza Stato-Regioni; al centro, Andrea Brutti, responsabile nazionale dell’Ufficio Fauna Selvatica ENPA e a lato Annamaria Procacci, consigliere Nazionale Enpa, da sempre in primo piano n elle battaglie per la tutela dei selvatici.

Condividi con:
Share