AIUTIAMO I CANI DI ANDRIA

Cani di Andria

AIUTIAMO I CANI DI ANDRIA

vi invitiamo ad inviare una mail di protesta per indurre il Comune di Andria a riconsiderare il trasferimento dei propri cani da un canile dove, secondo il comunicato della LNDC sotto riportato e altre testimonianze giunte, i cani stanno bene, sono accuditi con amore e, soprattutto, vengono affidati.  Il Comune ha scelto, apparentemente per questioni di risparmio ( 75 euro al mese) di trasferire i cani in un altro canile dove, con forti probabilità i cani permarranno molto più a lungo, costando così una cifra superiore.

Scrivete una mail di protesta agli indirizzi indicati; sotto riportiamo un testo base che potrete modificare senza frasi offensive o insulti.  Andria è una città turistica e non farà piacere al Comune sentirsi esclusa da eventuali itinerari.

“egregi destinatari

 mi associo alla richiesta della Lega Nazionale Difesa Cane di Andria per esprimere la mia contrarietà al trasferimento dei cani della citta di Andria ad un  canile di Trani.
Riesce veramente difficile credere che un risparmio di 0,05 cent a cane, € 2,50 al giorno, € 75 al mese siano la motivazione di tale trasferimento.  E’ incredibile che il Comune non riesca a reperire tale cifra nel bilancio che, probabilmente, verrà ampiamente superata perchè i cani soggiorneranno per tempi più lunghi in una struttura più affollata o con meno volontari (per non dire nessuno).  Sarà quindi un risparmio fittizio.
Inoltre, convenzionandosi con una struttura non a norma il vostro Comune non dà certamente un buon esempio ai propri cittadini in merito al rispetto delle leggi visto che viene premiato chi trasgredisce.  Credo che il criterio base, in questo caso, avrebbe dovuto essere la conformità legislativa oltre al rispetto del benessere animale.
Credo che mantenere vicino al luogo di ritrovamento i cani vaganti offra ai cittadini di Andria una facilitazione, sia per adottare che per ritrovare il proprio cane smarrito.  Inoltre con una buona pubblicizzazione da parte del Comune si possono sensibilizzare i cittadini affinchè, adottando un cane di Andria, aiutino le casse comunali.  A ciò si aggiunga che, nell’attuale canile le condizioni di vita dei cani, e quindi di salute, paiono essere molto buone; adottare un cane che si presenta bene e non abbia l’aspetto del cane trascurato o ammalato è un altro motivo di preferenza di chi adotta.   Infine vogliate considerare il trauma dello spostamento di questi cani dopo che si sono ambientati nell’attuale canile.   Chiunque conosca un po’ di etologia e di comportamento sa che i cani sono animali abitudinari e che ogni cambiamento (specie se negativo)  genera un forte stress che si aggiunge a quelli precedentemente subiti (abbandono, ambientazione canile, nuove regole di vita e nuovi compagni).
Vi chiedo pertanto di recedere dalla vostra decisione e di lasciare i cani dove sono affinchè la LNDC possa continuare a cercare per loro una famiglia adottiva.  In caso contrario, nella programmazione delle mie vacanze, avrò cura di escludere la vostra città per mancanza di sensibilità e di senso civico dimostrato dall’Amministrazione Comunale.
distinti saluti
nome cognome, città “

 

protocollo@cert.comune.andria.bt.it, assessore.fisfola@cert.comune.andria.bt.it, sindaco@cert.comune.andria.bt.it, assessore.chieppa@cert.comune.andria.bt.it, assessore.lotito@cert.comune.andria.bt.it, assessore.dinoia@cert.comune.andria.bt.it, a.berardino@comune.andria.bt.it, assessore.defeo@cert.comune.andria.bt.it, staffsindaco@comune.andria.bt.it, assessore.merafina@cert.comune.andria.bt.it, assessore.matera@cert.comune.andria.bt.it, assessore.zinni@cert.comune.andria.bt.it, assessore.miscioscia@cert.comune.andria.bt.it, assessore.nespoli@cert.comune.andria.bt.it, f.ieva@comune.andria.bt.it, v.scarpa@comune.andria.bt.it, s.quacquarelli@comune.andria.bt.it, sanitanimaleandria1@tiscali.it, sanitanimaleandria@tiscali.it

 

oppure potete firmare collegandovi qui:                                                                         http://www.avaaz.org/it/petition/I_cani_devono_rimanere_per_il_loro_benessere_nel_rifugio_FAVULLO/?tiVWJeb

COMUNICATO STAMPA  LEGA NAZIONALE DIFESA CANE

Andria (BAT) – Il comune sceglie la deportazione di 55 cani presso la struttura Dog’s Hotel di Trani

Lega Nazionale per la Difesa del Cane: la triste situazione di Andria è il risultato di anni di cattiva gestione del fenomeno del randagismo da parte delle autorità competenti che a quanto pare persevera.

Sabato 27 luglio inizierà la deportazione di 55 cani alloggiati attualmente presso il canile “Favullo” convenzionato con il Comune di Andria. Gli animali saranno trasferiti presso l’altro canile convenzionato con il Comune andriese sito a Trani, il “Dog’s Hotel”. Nella srl nota alle cronache per la mancata ottemperanza della L.R. 12/95, gli animali sono detenuti in condizioni non idonee alle loro esigenze fisiologiche ed etologiche e ancor più grave, considerando la piaga del randagismo che dilaga in Puglia, ci sono cani non sterilizzati e femmine gravide.

Mentre il modello delle piccole e medie strutture diffuse sul territorio si afferma come uno dei pilastri per la prevenzione del randagismo insieme alla sterilizzazione, all’anagrafe canina, alle campagne di adozione, di sensibilizzazione e di informazione, il Comune di Andria preferisce sovvenzionare un canile con una “autorizzazione” sanitaria per 600 cani, anziché continuare a tutelare il lavoro che da anni la sezione della Lega del Cane locale svolge sul territorio in collaborazione con il canile “Favullo” che di cani ne ospita circa 300, mantenendo una media annuale di adozioni pari a 100.
Non possiamo credere che solo un criterio di economicità sia alla base della scelta del Comune di Andria: un risparmio di 5 centesimi al giorno a cane costituirà la differenza tra il purgatorio e l’inferno e decreterà una lista con 55 nomi che inevitabilmente cambierà il destino di 55 animali.

Le mega strutture, se inizialmente possono garantire un “prezzo” al ribasso, nel medio e lungo termine sono molto più costose di quelle a misura di cane. Infatti, come le recenti esperienze insegnano, i gestori di queste inumane prigioni non hanno alcun interesse alla risoluzione del problema “randagismo”, che rappresenta per loro una lauta e inesauribile fonte di guadagno. L’intera vicenda è significativa in quanto delinea il preoccupante fatto che per il Comune di Andria gli animali sono considerati alla stessa stregua di oggetti da recapitare al “migliore offerente”, non considerando il trauma che i cani subiranno con il trasferimento.
Al Sindaco Nicola Giorgino ricordiamo che non sempre quelle apparentemente più economiche sono le soluzioni migliori e il benessere dei cittadini, e degli animali, per l’organo monocratico a capo del governo di un Comune, deve essere la norma di tutti i provvedimenti. Pertanto, i cani non sono rifiuti da conferire in mega discariche a un tanto al kg ma cittadini del proprio territorio e come tali soggetti di diritto.

Il problema del randagismo va risolto localmente come è stato fatto in buona parte della nazione dove la legge viene applicata. Mentre la situazione di Andria è il risultato di anni di cattiva gestione del fenomeno da parte delle autorità competenti che hanno operato in assenza di una seria politica di controllo delle nascite, di identificazione e iscrizione di tutti i cani nell’anagrafe regionale nonché di vigilanza da parte degli Enti preposti.
Nondimeno, anche in caso di “trasferimento”, il Sindaco rimane il responsabile dei cani prelevati sul proprio territorio e collocati in strutture site in altri Comuni e deve obbligatoriamente effettuare verifiche periodiche sullo stato di salute e benessere dei propri animali, non meno di una volta l’anno; dare comunicazione dei risultati ottenuti e dello stato di salute e benessere degli animali al Consiglio Comunale anche nel rendiconto della gestione. Crediamo che la decisione dei vertici del Comune, oltre che provocare un grave danno alla salvaguardia del benessere degli animali, sia lesiva dell’immagine della città agli occhi dell’opinione pubblica nazionale.

Lega Nazionale per la Difesa del Cane continuerà la sua battaglia di civiltà, legalità e trasparenza nelle sedi più disparate, anche attraverso pubbliche denunce di informazione in merito a quanto accadrà.

Condividi con:
Share